closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Tre americani qualsiasi, eroi per caso in Europa

Al cinema. I protagonisti Anthony, Alex e Spencer rivivono la loro storia per «15:17 - Attacco al treno» di Clint Eastwood, un antidoto all’egotismo di oggi

Le folle piene di bandiere a stelle e strisce lungo l’autostrada per cui passava la salma dell’American sniper Chris Kayle, le squadre di soccorso newyorkesi e i passeggeri terrorizzati che si riversano fuori dall’aereo galleggiante sull’Hudson dopo il miracoloso salvataggio in Sully. Con la fiducia totale nell’intuizione e la naturalezza che caratterizza la sua opera di regista, Clint Eastwood aveva invaso di «gente comune» -non comparse, non attori - il finale dei suoi ultimi due film. Si trattava, dopotutto, per quest’autore che ha alle spalle una lunga galleria di giustizieri solitari e spietati, di due storie di eroi riluttanti, schivi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi