closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Tragedia continua: altri 18 morti, soffocati nella stiva di un barcone

Canale di Sicilia. Soccorsa a sud di Lampedusa un'imbarcazione con 400 migranti a bordo. Un uomo muore durante il trasferimento. Renzi: «Più risorse per Frontex Plus ma il problema dell'immigrazione va risolto alla radice, non con slogan di qualche ideologo con la camicia colorata».

Migranti raccolti dalla marina militare italiana sbarcano in Sicilia

Migranti raccolti dalla marina militare italiana sbarcano in Sicilia

Venti giorni dopo, la stessa orrenda scena si è materializzata davanti agli occhi dei soccorritori di un barcone alla deriva nel Canale di Sicilia. Diciotto corpi senza vita erano ammassati nella stiva del peschereccio partito dalla Libia con circa 400 profughi e migranti a bordo e soccorso ieri mattina all’alba in acqua maltesi dalla marina dell’isola-Stato a 64 miglia dalla costa sud di Lampedusa. Morti per intossicazione da fumo, uccisi per asfissia dalle esalazioni di monossido di carbonio che riempivano gli angusti locali. Tra loro altre tre persone sono state trovate in fin di vita: un uomo è deceduto mentre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi