closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Totò, siamo tutti burattini

Il libro. «San Totò» di Paolo Isotta, da Marsilio

L’omaggio postumo che il noto musicologo da poco scomparso dedica a Totò è un ritratto – insieme lucido e affettuoso – che coglie con acutezza il genio e le contraddizioni del grande attore, ricostruendo la stratificata genealogia della maschera e riproponendone film per film l’intera attività cinematografica. Nel corso dei cinquant’anni e più che ci separano dalla sua morte, Totò è diventato ormai un personaggio quotidiano e familiare per milioni di italiani, dopo che per molto tempo si è continuato a disapprovare la volgarità dei doppi sensi, il cattivo gusto delle battute, la confezione dozzinale dei suoi film. Oggi le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi