closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Therese Anne Fowler, frontiere domestiche del rifiuto

TEMPI PRESENTI. Intervista all’autrice del romanzo «Un bel quartiere», pubblicato nella collana Bloom di Neri Pozza. Un’antica quercia minacciata da un abuso edilizio, una comunità divisa da denaro e colore della pelle. A Oak Knoll, North Carolina, tra gentrificazione e nuovi ricchi emerge il volto brutale dell’era Trump. «Molti bianchi vivono in una confortante spensieratezza, mentre i neri devono guardarsi intorno: il colore della pelle li rende vulnerabili»

Therese Anne Fowler

Therese Anne Fowler

Valerie Alston-Holt ha due grandi passioni: suo figlio Xavier, un ragazzo pacato che studia chitarra classica e sta per partire per il Conservatorio e le piante del suo giardino, a cominciare da una vecchia quercia, alta più di venticinque metri, che domina quel terreno da almeno un secolo. Ad Oak Knoll, un quartiere di villette d’altri tempi di una cittadina del North Carolina, Valerie è arrivata dal Michigan quando ha sposato Tom, un sociologo progressista, che è morto d’infarto quindici anni prima, e per insegnare Scienze ambientali nell’ateneo locale. Valerie è nera, Tom era bianco e Xavier, che ha appena...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.