closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

The Yellow sulle strade di Tokyo

Note sparse. Cantano in inglese e compongono pop mescolando diverse attitudini, ma l'album non convince

The Yellow

The Yellow

La politica delle recensioni, almeno per il sottoscritto, è quella di non stroncare i dischi di esordienti. Ma i The Yellow non sono esordienti. Iniziano il loro album Streets of Tokyo con due brani che danno speranza, per l’attacco potente di 2gether e per la melodia di Across the sky. Cantato tutto in inglese, cominciano poi a infilare una serie di pezzi pop adolescenziale con tirate di voce e zeppi di angosce brufolose. In certi momenti ricordano il peggiore britpop riproposto da una di quelle band giovanili fiorite nei talent, a cui un tempo tiravano le mutande e che, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.