closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

The Americans, la guerra fredda ai tempi di Reagan

Televisione. Al via negli Stati uniti la seconda stagione della serie. All'ombra di Washington gli intrighi di Kgb e Fbi si nascondono dietro una idilliaca famigliola

La guerra fredda non è mai finita. La Russia rimane il «nostro» miglior nemico. Il produttore Joe Weisberg lo aveva capito, ben prima del glaciale standoff sull’Ucraina di questi giorni, prima che McCain accusasse Obama di essere «incredibilmente naive» e Vladimir Putin di voler «restaurare l’Impero», e prima che il tour americano delle Pussy Riot alla vigilia di Sochi, facesse del presidente russo il punching ball degli show comici di tarda serata. Weisberg, il cui resumè include una carriera di agente Cia, l’anno scorso aveva convinto il canale Sfy a produrgli una serie basata sulla avventure di una coppietta all...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.