closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Texprint di Prato, primo operaio reintegrato

Lotta contro lo Sfruttamento. Il tribunale del Lavoro condanna l'azienda annullando il licenziamento. Il Si Cobas: risultato figlio degli scioperi e dei presidi di otto mesi

Una manifestazione dei lavoratori della Texprint di Prato

Una manifestazione dei lavoratori della Texprint di Prato

Dopo mesi di battaglie, gli operai della Texprint di Prato incassano una prima concreta vittoria contro lo sfruttamento dell’azienda di stamperia tessile a conduzione cinese che ad aprile scorso li licenziò per presunte «violenze» durante i picchetti. Il giudice del Tribunale del Lavoro di Prato Cristina Mancini ha infatti dichiarato «illegittimo» il licenziamento» di uno dei lavoratori pakistani, Mohammed Hafzal, reintegrandolo nel posto di lavoro. Esulta il sindacato Si Cobas: «L’azienda ha inventato di sana pianta violenze mai avvenute durante gli scioperi. È il primo risultato di 256 giorni di presidio e di lotta infaticabile. È la vittoria di tutti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.