closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tassa alle corporation: Dublino rema contro

Irlanda. In ballo c'è il suo modello di crescita basato sulle tassazioni morbide dei profitti delle corporation

L’accordo raggiunto al G7 di Londra sulla tassazione dei profitti delle multinazionali rischia di creare non pochi grattacapi dalle parti di Merrion Street a Dublino, dove ha sede il dipartimento del primo ministro irlandese. Da decenni, infatti, il modello di crescita irlandese si basa sull’attrazione di investimenti diretti esteri, soprattutto grazie alla tassazione favorevole sui profitti delle corporation. Questo ha portato molte multinazionali americane a stabilire la propria sede europea in Irlanda, comprese le principali aziende dell’economia digitale: Amazon, Apple, Facebook, Google e Microsoft. Fissata al 12,5 per cento, la tassazione per le imprese in Irlanda può essere ridotta ulteriormente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.