closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Taranto si ferma per la morte di un operaio dell’Ilva

Morti bianche. La vittima, Angelo Raffaele Fuggiano, aveva 27 anni. E il settimo incidente mortale dal luglio del 2012

L’intervento dei vigili del fuoco sul luogo dell’incidente mortale all’Ilva di Taranto

L’intervento dei vigili del fuoco sul luogo dell’incidente mortale all’Ilva di Taranto

L’Ilva di Taranto torna nuovamente agli onori della cronaca per la settima morte bianca dal luglio 2012, quando furono sequestrati gli impianti dell’area a caldo nell’inchiesta per disastro ambientale. A perdere la vita ieri mattina presso il IV sporgente del porto di Taranto in concessione all’Ilva, è stato un operaio di 27 anni della ditta Ferplast dell’appalto, Angelo Raffaele Fuggiano, padre di due bambini. Il lavoratore era intento a svolgere le operazioni di sostituzione periodica dei cavi di manovra delle gru, che vengono utilizzate per le attività di carico e scarico del minerale dalle navi ormeggiate al porto. All’improvviso un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi