closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Talebani e golpisti non parlano, l’Onu evita l’imbarazzo

A New York. Con qualche mediazione e la scusa dei mancati accrediti sul palco dell’Assemblea non salgono i nuovi governi di Kabul e Yangon

A leggere ieri mattina il programma della giornata conclusiva dell’Assemblea generale dell’Onu a New York, si poteva ben dire che Ashraf Ghani l’avesse spuntata e i Talebani no. Ma nel primo pomeriggio di ieri le cose si sono ribaltate. E il nome «Afghanistan», nella lista degli aventi diritto a parlare, è sparito. UN ALTRO STATO invece era assente dall’inizio perché il governo ombra birmano ha scelto il «basso profilo» rinunciando a chiedere di far parlare il suo emissario all’Onu. Sono i colpi di scena dell’«intrigo» del Palazzo di Vetro. Proviamo a ricostruirlo. In calendario il penultimo discorso, prima di Timor...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.