closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Svastiche sul luogo dell’eccidio nazista nel giorno del ricordo

Venticinque svastiche tra Pontestazzemese e Terrinca, sulla strada provinciale che porta verso Sant’Anna, teatro di uno degli eccidi più cruenti della Seconda Guerra Mondiale, quando 560 civili - per lo più donne, bambini e anziani - vennero rastrellati dalle Ss e poi giustiziati a colpi di mitra o smembrati dalle bombe a mano. Era il 12 agosto del 1944 e, a 69 anni di distanza, le ferite sono ancora aperte: da una parte chi non può fare a meno di ricordare, dall’altra chi vorrebbe dimenticare e mette una croce uncinata (anzi, venticinque) sulla Storia. Se l’autore delle scritte - stando...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi