closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Rubriche

Sulle guerre tra pesci

I bambini ci parlano. «Per me i grandi vanno d’accordo con i grandi e i piccoli con i piccoli, ma tra grandi e piccoli ci sono un po’ di problemi, forse»

Piccoli e grandi pesci vanno d’accordo tra loro?

«Sì. I piccoli e i grandi vanno d’accordo, per me. Ma non è facile. Perché i piccoli si agitano troppo». «Per me non è facile andare d’accordo. Non lo so. Per me no, non vanno sempre d’accordo. Allora fanno delle sfide, dei bisticci. Ma dopo fanno la pace». «Per me stanno in gruppi. Io li ho visti. In due gruppi. I piccoli e i grandi». «Però non ci sono i gruppi per il colore, ma per il grande e il piccolo». «Tutti i piccoli pesci stanno insieme. Invece i grandi fanno un altro gruppo». «Per me pesci piccoli e grandi vanno d’accordo altrimenti non potrebbero nuotare e abitare insieme». «I pesci sono tutti amici tra loro, altrimenti i grandi farebbero male ai piccoli». «Visto che vivono tutti nello stesso stagno vanno d’accordo, altrimenti fanno la lotta e muoiono tutto». «Per andare d’accordo si aiutano e nuotano nello stesso lago. Si aiutano sempre. Non si fanno dispetti». «Per me i grandi vanno d’accordo con i grandi e i piccoli con i piccoli, ma tra grandi e piccoli ci sono un po’ di problemi, forse».

Ma quali problemi? Non ho capito bene perché certe volte non vanno d’accordo tra grandi e piccoli… me lo spiegate meglio?

«Per me ci sono dei pesci grossi che stanno un po’ con i pesci piccoli, ma solo alcuni. Gli altri si danno le arie perché sono grossi. Allora prendono in giro i piccoli e dopo va a finire che bisticciano e fanno delle guerre». «Per me grandi e piccoli non vanno d’accordo perché delle volte io ho visto che ci sono dei pesci morti nello stagno». «Anche per me non vanno d’accordo perché alcuni dicono tipo: “Andiamo a nuotare di là”. E degli altri dicono: “No, tu là non ci vai, ci vado io”. Allora bisticciamo». «Bisticciano perché ognuno vuole un posto per nuotare e gli altri non vogliono perché ci vogliono andare loro». «È vero che fanno la guerra perché noi abbiamo visto una volta un pesce che faceva il morto a galla». «Era morto veramente. Non respirava”. “Bisticciano perché i più grandi vorrebbero comandare perché sono più grandi. Vogliono decidere loro dove andare a nuotare». «I grandi sono più forti perché sono grandi. Sono molto più forti».

Bisticciano anche per il colore?

«Gli arancioni contro i neri? No, per i colori non bisticciano. I colori non sono il problema. Il problema è la grandezza». «È vero. Quando qualcuno è grande e qualcuno è piccolo nascono sempre dei problemi. Perché i più grandi vogliono comandare i piccoli. Vogliono dirgli loro dove devono andare a nuotare invece di lasciarli liberi di andare dove vogliono». «A volte litigano perché loro si sentono i più grandi. Perché poi lo sono».

Come è una guerra tra pesci?

«Una guerra tra pesci è senza bastoni, non ci sono i bastono perché sono nell’acqua, fanno la guerra con la coda e le pinne, si sbattono la pinna sogli occhi e litigano, si spruzzano fanno andare a sbattere gli altri, si fanno dei dispetti». «Uno grande e uno piccolo bisticciano perché poi se quelli piccoli vedono che uno grande sta picchiano uno di loro, loro si uniscono e lo aiutano». «Perché loro sono piccoli, è vero, ma sono in molti».

Come fanno i pesci a respirare sott’acqua?

«Io lo so! Posso dirlo? Respirano con la bocca». «Per loro l’acqua è come l’aria per noi. È la stessa cosa. L’importante è che abbiano qualcosa da respirare, altrimenti muoiono sul colpo». «No, non muoiono sul colpo, muoiono piano piano. Muoiono per soffocamento di aria». «Hanno dei polmoni speciali che gli permettono di respirare solo sott’acqua». «Respirano perché i pesci si sono abituati a fare così». «I pesci respirano sotto l’acqua perché l’aria un po’ può entrare nell’acqua e così loro un po’ respirano». «Fanno come facciamo noi a nuoto, facendo le bolle». «Sono bravi a respirare come noi che respiriamo in mezzo all’aria perché per loro l’acqua è come l’aria per noi».


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna