closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Successione, convergenze curiose tra Einaudi e Keynes

Economia. I due grandi economisti proponevano questa imposta, anche se per motivi antitetici. Mario Draghi invece soffoca la discussione appellandosi al «senso comune»

Potrebbe essere utile al capitale umano del Paese, o quanto meno a quello della sua classe dirigente, se il presidente del Consiglio nell'analizzare le proposte di politica economica portate all'attenzione del dibattito pubblico, ricordasse i ragionamenti dei grandi economisti. Circa l’introduzione di un’imposta di successione esiste, ad esempio, una curiosa convergenza di idee fra due economisti generalmente critici l’uno verso l’altro: Luigi Einaudi e John Maynard Keynes. EINAUDI RITIENE legittima e opportuna l’imposta di successione laddove «il provento di essa non sia consumato, ma prenda la forma di capitali pubblici», sia cioè investito dallo Stato. E sottolinea anche che l’equità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.