closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Strage di palestinesi, Netanyahu elogia tiratori scelti

Gerusalemme/Gaza. Ieri mentre a Gerusalemme gli Stati uniti inauguravano la loro ambasciata, a Gaza l'esercito israeliano apriva il fuoco sui dimostranti palestinesi. 52 morti e oltre 2mila feriti. Tra le vittime anche ragazzini. Per Netanyahu i soldati hanno protetto il confine di Israele

‎«I nostri coraggiosi militari proteggono i confini di Israele anche mentre stiamo ‎parlando. Vi rendiamo onore!». La strage di Gaza è avvenuta ad appena 50 km da ‎dove Benyamin Netanyahu, i suoi ospiti americani e i diplomatici anche di quattro ‎Paesi dell'Unione europea, stavano inaugurando, tra cerimonie, sorrisi e strette di ‎mano, l'ambasciata americana ad Arnona nella periferia meridionale di ‎Gerusalemme. Il premier israeliano ha avuto di nuovo parole d'elogio per i suoi ‎soldati che ieri hanno fatto il tiro al piccione colpendo a morte oltre 50 palestinesi, ‎alcuni quali dei ragazzini. E ciò che non hanno fatto i cecchini...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi