closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Storie ordinarie immerse nel paesaggio lunare delle Marche rurali

Narrativa. «Le stelle vicine», dodici racconti di Massimo Gezzi, per Bollati Boringhieri

Massimo Gezzi

Massimo Gezzi

C’è sempre un’inquietudine che cova nella noia della provincia marchigiana dei racconti limpidi di Massimo Gezzi, Le stelle vicine (Bollati Boringhieri, pp.144 euro 15), poeta di lunga data al suo esordio di narratore, anche quando le cose sembrano andare bene nella routine iperrealistica fatta di pezzi di vita colti dentro la meccanica sociale, epifanie che all’improvviso trovano un loro culmine parossistico e imprevedibile, un punto di rottura esistenziale e stilistico. SONO STORIE ORDINARIE di vita quotidiana di taglio classico e realistico, dalla scrittura finemente elaborata e dalla lingua esatta, pur non prive di una loro ruvidità e crudezza esistenziale, rivelata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi