closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Storari si difende e chiama in causa Davigo

Giustizia. Interrogato a Roma il pm milanese accusato di aver violato il segreto sui verbali di Amara, consegnandoli all'ex consigliere del Csm: lo autorizzò lui, si qualificò come la persona adatta. L'indagine verso il trasloco a Brescia

Il pm milanese Paolo Storari ieri all'uscita della procura generale di Roma

Il pm milanese Paolo Storari ieri all'uscita della procura generale di Roma

«Tecnicamente il dottor Davigo era persona autorizzata a ricevere quegli atti, tale si era qualificato». È la frase chiave della difesa di Paolo Storari, il sostituto procuratore di Milano accusato di aver violato il segreto degli interrogatori dell’avvocato Amara, consegnando i verbali in cui si raccontava della presunta loggia "Ungheria" a Piercamillo Davigo, all’epoca della consegna (marzo-aprile 2020) ancora consigliere in carica del Csm. Davigo, dunque, avrebbe potuto rifiutare la consegna di quegli atti, dove tra le altre cose si accusava il suo compagno di corrente e collega al Csm Ardita, con il quale immediatamente interruppe una sperimentata amicizia. E...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.