closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Stefano Mancuso, la salvezza è negli alberi

Biodiversità. Intervista al botanico che ha scritto «La pianta del mondo». «Le città rappresentano meno del 2% delle terre emerse. Da questo 2% proviene l’80% di anidride carbonica, dei rifiuti e del consumo delle risorse del pianeta»

Stefano Mancuso

Stefano Mancuso

All’inizio di ogni storia c’è una pianta. A sostenere questa tesi è Stefano Mancuso, botanico, fondatore e direttore del Linv (Laboratorio di neurobiologia vegetale) di Firenze e docente all’accademia dei Georgofili. Ne La pianta del mondo (Laterza, 2020) lo dimostra con otto racconti che toccano argomenti storici, correnti ideologiche, la storia della musica, la chimica, la criminologia, e che legati con grazia l’un l’altro, corteggiano diversi generi e gusti letterari. Le parti del libro, del quale l’autore ha curato anche le belle illustrazioni, respirano insieme come una foresta dove la complessità scientifica è compensata da una piccola sinfonia di narrativa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.