closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Spaziani, il dono dell’ironia

Letteratura. Addio alla poetessa che ha attraversato il Novecento in compagnia della sua Giovanna d'Arco. Il suo sodalizio con Montale la portò a fondare un centro studi a lui dedicato

Maria Luisa Spaziani e Eugenio Montale

Maria Luisa Spaziani e Eugenio Montale

Nata a Torino nel 1922, Maria Luisa Spaziani è l’unica donna italiana ad aver percorso quasi tutto il Novecento da «poetessa» senza però essere affetta da malattia alcuna, mostrando anzi una ironica vitalità. Un saper fare e un saper affabulare che hanno sostenuto, insieme al suo gran corpo dagli azzurri occhi a mandorla, i danni e le gioie che toccano a un’esistenza che ha avuto in sorte di attraversare un conflitto mondiale e un intreccio individuale con due uomini niente affatto comodi come Eugenio Montale ed Elémire Zolla (che sposerà e dal quale si separerà). Non a caso una delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi