closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Space Invaders», il videogioco per antonomasia

Maboroshi. Una mostra appena conclusasi a Tokyo ha celebrato i quarant’anni dall’uscita di uno dei videogiochi che più hanno fatto la storia e la fortuna del settore

Una mostra appena conclusasi a Tokyo ha celebrato i quarant’anni dall’uscita di Space Invaders, uno dei videogiochi che più hanno fatto la storia e la fortuna del settore diventandone, per un certo periodo, il simbolo. Progettato nel 1978 da Tomohiro Nishikado per conto della giapponese Taito, il videogioco in cui bisogna difendere la terra da un’invasione aliena è stato uno dei capostipiti di quella tipologia di giochi per arcade che tanto avrebbero influito sulle abitudini dei giovani tra la fine degli anni settanta e la metà degli anni ottanta. Sale giochi, gettoni e capannelli che si formavano attorno al campioncino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.