closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sovvertire le immagini da infiniti punti di vista

Filmmaker Fest. Incontro con Johann Lurf, cineasta «Fuori formato». Protagonista della giovane sperimentazione austriaca, nei suoi film lavora sulle architetture e sui falsi movimenti

«Il cinema è una macchina perfetta disegnata per i nostri sensi. Sedersi in un cinema per circa due ore significa perdere contatto con il proprio peso corporeo ed è molto importante per me considerare questa ’perdita’ dello spettatore». Di questa (e altre) dilatazioni sensoriali si nutre il cinema di Johann Lurf, giovane austriaco orbitato qualche giorno fa nella galassia Fuori Formato (curata da Tommaso Isabella) del festival milanese Filmmaker che lo ha visto ospite e co-curatore di un programma speciale dedicato all'avanguardia del suo paese. Nove cortometraggi votati, con inquietante precisione, alla sovversione creativa dello spazio e della percezione, nove...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.