closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Sovranismo vaccinale? No, subappalto L’Italia non ha le tecnologie né l’interesse

Farmaceutica Globale. Oggi l'incontro Giorgetti-Farmindustria per provare a produrre di più. Zago (Filctem Cgil): solo la Sanofi di Anagni ha la capacità ma paga gli errori francesi

La Sanofi di Anagni (Frosinone)

La Sanofi di Anagni (Frosinone)

Si fa presto a dirsi sovranisti anche con i vaccini. Poi però bisogna fare i conti con i giganti della farmaceutica, con brevetti e licenze, con il mercato, con le industrie italiane e le loro caratteristiche e limiti. Senza dimenticare le regole europee che impongono la suddivisione di ogni produzione rispetto alla popolazione di ogni stato membro: e a noi spetta solo il 13,6%. E allora si capisce in fretta che continuare con lo slogan «Produciamoci i vaccini da noi» non ha molto senso. Sotto la pressione di Matteo Salvini oggi Giancarlo Giorgetti ascolterà il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi