closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Soutine / de Kooning, un certo impasto di carne

A Parigi, musée de l'Orangerie, "Chaïm Soutine / Willem de Kooning, la peinture incarnée", a cura di Claire Bernardi et Simonetta Fraquelli. Il gesto che trasfigura la pittura in materia viva: sotto questo segno dialogano il deraciné della Scuola di Parigi e l’eterodosso della Scuola di New York. Dialogo che ebbe il suo battesimo critico nel 1950 con la mostra di Soutine al MoMA

Willem de Kooning,

Willem de Kooning, "Woman Accabonac", 1966 © The Willem de Kooning Foundation / Adagp, Paris 2021

[caption id="attachment_535790" align="alignnone" width="755"] Chaïm Soutine, "Le Petit Patissier", 1922-’24, Parigi, musée de l’Orangerie[/caption]   Sono sempre stato pazzo di Soutine, di tutti i suoi dipinti. Rappresenta la lussuria del dipingere. Costruisce una superficie che sembra un tessuto, una materia. C’è una sorta di trasfigurazione, un certo impasto di carne nella sua opera». Con queste parole il settantatreenne Willem de Kooning ritorna ammirato su uno dei suoi pittori preferiti, che forse più di tutti ha influenzato il proprio essere artista. Elaine de Kooning, nel ricordare le parole del marito – «più cerco di essere come Soutine, più sono originale» –,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.