closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Sospesi visite e ricoveri non urgenti, in Piemonte ospedali in affanno

Terza ondata. La Regione corre nuovamente ai ripari e riprogramma le attività. L’allarme dell’Associazione sindacale dei medici e dei dirigenti sanitari: «A breve saranno al collasso»

I volontari della Croce Rossa di Moncalieri

I volontari della Croce Rossa di Moncalieri

Stop alle visite ambulatoriali non urgenti e ai ricoveri procrastinabili. Una storia che, in Piemonte, si ripete. In piena terza ondata, la Regione corre nuovamente ai ripari e riprogramma le attività ospedaliere. Lo fa attraverso una disposizione del Dirmei (il Dipartimento interaziendale malattie ed emergenze infettive, istituito lo scorso luglio), che ridistribuisce il personale sanitario per destinarlo all’assistenza dei pazienti Covid. Restano attivi i ricoveri in regime di urgenza e quelli oncologici. Nella circolare si invitano, inoltre, i direttori delle aziende sanitarie regionali a «sviluppare le attività di gestione dei pazienti Covid a domicilio». Non è la prima volta che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi