closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Social Card, Ncd e destre contro gli immigrati

Legge di stabilità. Scontro nel governo su una misura inefficace per i poveri italiani e stranieri. La reazione del partito di Renzi: «Non sarà una misura così restrittiva a far saltare i conti del nostro Welfare». Pd diviso su web tax e ammortizzatori sociali. Esteso il "bonus bebè". La campagna dei dottorandi dell'Adi per riformare il sistema della ricerca. Il sottosegretario all'economia Zanetti (Scelta Civica) annuncia una battaglia campale per i diritti dei freelance, lavoratori della conoscenza e professionisti

Furibondo attacco della destra contro l’estensione della social card ai cittadini extra-comunitari con un regolare permesso di soggiorno di lunga durata. La battaglia xenofoba, ispirata al motto «prima gli italiani» e «padroni in casa nostra» è contro un emendamento del governo del 20 novembre scorso alla legge di stabilità che rifinanzia una misura inefficace e malfunzionante per 250 milioni di euro, la stessa cifra stanziata per il 2014. Un anno in cui anche gli stranieri hanno usufruito di un «beneficio» pari ad un contributo di povertà dai 231 fino a 404 euro al mese per un solo anno. Soldi che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi