closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sion Sono, il tocco speciale oltre i generi

Maboroshi. Continua anche in questo inizio 2021 la tendenza che già da alcuni anni a questa parte ha portato alcuni dei cineasti giapponesi più amati all’estero a provare la strada internazionale.

Una scena da Prisoners of the Ghostland

Una scena da Prisoners of the Ghostland

Continua anche in questo inizio 2021 la tendenza che già da alcuni anni a questa parte ha portato alcuni dei cineasti giapponesi più amati all’estero a provare la strada internazionale. Kiyoshi Kurosawa e Hirokazu Kore’eda sono solo due degli autori più conosciuti ed apprezzati che negli ultimi tempi hanno diretto dei lungometraggi fuori dall’arcipelago e con cast non giapponese. Anche il nome di Sion Sono era stato accostato ad una produzione europea già più di un decennio fa, quando l’autore di Love Exposure, The Whispering Star e Antiporno, doveva dirigere Lord of Chaos, il film dedicato al fenomeno del metal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi