closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Simmel, nei sentimenti evocati, il valore di tutti gli oggetti

Sociologia tedesca. Diversamente da Marx, Georg Simmel fa discendere il valore da motivazioni psicologiche: «Filosofia del lavoro», del 1899

Lewis Hine «Power house mechanic working on steam pump», 1920

Lewis Hine «Power house mechanic working on steam pump», 1920

Abituati come siamo a considerare le categorie del pensiero economico come questioni tecniche, di cui si occupano solo gli economisti di professione, diamo poi per scontato cosa si intenda quando si parla di lavoro, valore, denaro. A smentire l’ovvietà di questi concetti contribuisce un breve testo titolato Filosofia del lavoro (a cura di Francesco Valagussa, Mimesis, pp. 129, € 9,00) di Georg Simmel, una di quelle figure del pensiero che, dopo avere lasciato un segno importante nella sua epoca, alla fine della contingenza in cui sono vissute rischiano di venire relegate agli studi specialistici. Eppure, non solo un’intera generazione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi