closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Silenzio, motore, azione: si canta!

Cinema sonoro. Nasceva novant'anni fa: in Italia s’inaugurava la stagione dei divi canterini, dei tenori e dei baritoni

Alida Valli

Alida Valli

Si sprecano i treni e le campane in La canzone dell’amore di Gennaro Righelli, lanciato nell’ottobre 1930 come «il primo film italiano sonoro, cantato e parlato al cento per cento», che non perde occasione per celebrare la novità tecnologica. Nella grande sala déco della Casa dei dischi, che è insieme luogo di vendita e studio di registrazione, dove il pubblico può assistere in diretta al «miracolo» dell’incisione, ostenta con calcolata civetteria i meccanismi della riproducibilità tecnica. Il produttore Stefano Pittaluga – che riorganizza i vecchi stabilimenti Cines dotandoli di apparecchiature sonore – coinvolge nell’operazione anche Luigi Pirandello, autore della novella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.