closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Si ribaltano i giochi, adesso Confindustria entra in Fiat

Incontro a Grugliasco. Marchionne era uscito qualche anno fa, adesso detta le sue ricette ai colleghi industriali: meno contratto nazionale e più accordi di produttività

L'amministratore delegato della multinazionale Fiat Chrysler, Sergio Marchionne

L'amministratore delegato della multinazionale Fiat Chrysler, Sergio Marchionne

Dopo il forfait del premier Matteo Renzi (causa impegni di governo), arriva – giusto prima dell’inizio – quello del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi (motivi di salute). E così, l’annuale assemblea dell’Unione industriale di Torino, che si è tenuta per la prima volta in una fabbrica – alla Maserati di Grugliasco – resta senza due dei protagonisti più attesi. Il terzo è in platea, in prima fila, ed è il padrone di casa: Sergio Marchionne, l’amministratore del gruppo Fiat Chrysler Automobiles. Ai maliziosi che vorrebbero vedere qualche stranezza sul fatto che gli industriali torinesi di Confindustria abbiano scelto, come sede...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi