closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Si resuscita il Ponte del futuro e si lascia a piedi la realtà

Grandi opere al Sud. Le risorse europee del recovery plan in questi mesi hanno fatto ripartire un’eccitazione collettiva sulle grandi opere, con l’idea che tutto ora sia possibile. Nulla di più falso, perché il ponte è fuori dal Recovery plan, ma non importa. Quello che interessa ai costruttori è che riparta l’attività di progettazione

Corteo No Ponte sullo stretto

Corteo No Ponte sullo stretto

Riparte per l’ennesima volta il progetto del Ponte sullo Stretto di Messina. La notizia è che c’è il via libera da parte del ministro Giovannini per una soluzione a una o tre campate di collegamento stabile. Ma la novità politica è che questa volta non è Berlusconi o il centrodestra a rimettere in moto il progetto ma il Pd, che con la ministra De Micheli aveva promosso la creazione di una commissione che doveva scegliere tra diverse soluzioni. La relazione dei tecnici sottolinea che tra le «profonde motivazioni» per la realizzazione dell’opera vi sia il completamento dell’alta velocità tra Napoli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi