closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Shelley Winters, regina delle passioni

L'attrice. Centocinquanta film attraversati con devozione: cento anni dalla nascita di una grande interprete

«Detective's Story» con Paul Newman e Shelley Winters (1966)

«Detective's Story» con Paul Newman e Shelley Winters (1966)

Se pensiamo a Shelley Winters, colleghiamo il suo volto perlopiù a personaggi dalla psicologia contorta, a surrogati materni costipati di possessività malata. Siamo stati abituati a vederla ciclicamente sullo schermo in più di 150 film (stando alle fonti) spalmati lungo 60 di carriera. Due Oscar vinti, quattro matrimoni celebrati, una figlia (Vittoria, avuta da Gassman), innumerevoli notti roventi con amanti passionali (da Burt Lancaster a Marlon Brando), una filmografia invidiabile, due autobiografie «piccanti» pubblicate, e una ferrea quanto cronica determinazione lavorativa. Shirley Schrift nacque il 18 agosto di cento anni fa a East St. Louis (Illinois) da Rose e Jonas,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi