closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Shell di tutto il mondo, preoccupatevi. C’è una giudice all’Aja

Prima mondiale. La multinazionale anglo-olandese deve tagliare le sue emissioni di gas serra. Subito. È il terzo schiaffo giudiziario in pochi mesi. Il gigante petrolifero è il nono inquinatore globale. I primi dieci sono tutti nel business dei combustibili fossili. Intanto, sempre riguardo agli investimenti "oil only", azionista "attivista" riesce a cacciare due direttori del Cda della Exxon

La gioia di Donald Pols, direttore dell’associazione ambientalista olandese Milieudefensie (Difesa ambientale), dopo la sentenza

La gioia di Donald Pols, direttore dell’associazione ambientalista olandese Milieudefensie (Difesa ambientale), dopo la sentenza

Petrolieri di tutto il mondo, preoccupatevi. Un'associazione ambientalista e 17mila cittadini olandesi hanno vinto contro un peso massimo del petrolio, la Royal Dutch Shell. A cui una giudice dell'Aja ha ordinato di tagliare le emissioni di gas serra e di farlo ora, non fra trent'anni. È UNA PRIMA MONDIALE, gioiscono i capi di Milieudefensie (Difesa ambientale, in olandese). Perché Shell è il nono inquinatore mondiale. E perché non sono solo i governi a dover rispettare gli Accordi di Parigi sul clima. Ora anche le aziende, almeno quelle che hanno fatturati come il pil di un piccolo-medio stato. Milieudefensie è nata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi