closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sfide e bugie della realtà

Teatro. Il Festival che si è appena chiuso a Almada, città sul Tago di fronte a Lisbona, ha puntato sul sud del mondo. Dal focus sulle nuove generazione argentine, tra grinta e fragilità, alla Rivoluzione portoghese narrata da Luis Miguel Cintra

A più di trent’anni dalla fondazione, il festival di Almada macina sicuro il proprio successo riempiendo ogni sera i teatri della città che sul Tago fronteggia Lisbona, ma anche le sale della capitale che spesso ospitano gli spettacoli del festival. L’elemento di maggior interesse, per chi viene dall’estero, è il suo pubblico di massa, dove si mescolano con nonchalance tranquille famiglie locali e molti artisti e intellettuali portoghesi, tutti egualmente interessati e tutti egualitariamente seduti a cenare al ristorante all’aperto che lo stesso festival gestisce e riapre ogni anno per la manifestazione, nel giardino di una scuola. La presenza italiana...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi