closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Se il cielo senza stelle è un problema politico

SCAFFALE. «I bisogni artificiali. Come uscire dal consumismo», di Razmig Keucheyan per ombre corte

Razmig Keucheyan

Razmig Keucheyan

Per Kant due sono le cose che dovrebbero suscitare ammirazione: la legge morale dentro di noi e il cielo stellato sopra di noi. È noto che il capitalismo ha sempre lavorato per produrre meccanismi amorali di soggettivazione individuale e collettiva. Meno noto, o meglio, poco problematizzato è il fatto che l’incedere del capitale ha portato negli ultimi decenni, a causa dell’inquinamento luminoso, alla completa scomparsa del cielo stellato in molte regioni della Terra. È dalla perdita della possibilità di contemplare il cielo notturno, un’esperienza che ha accomunato tutte le epoche storiche in ogni area del pianeta, che si dipana la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi