closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola, è polemica sui precari esclusi dal concorso

Il caso. Il governo ha annunciato 70 mila assunzioni nella scuola, frutto di una serie di concorsi e prove da realizzare entro settembre. Sui social insorgono i docenti precari esclusi, polemica sui criteri di accesso. Flc Cgil:«Allargare le assunzioni alla seconda fascia, rimuovere il requisito dei tre anni». Il governo ha firmato con i sindacati anche un "patto per la scuola". Non è la prima intesa sottoscritta in questa legislatura: gli esecutivi precedenti sono caduti

Il governo ha promesso l’assunzione di 70 mila docenti nella scuola. Ventiquattr’ore dopo i grandi annunci presentati insieme al «decreto sostegni bis», previa un’analisi comparata tra gli annunci e la realtà, i fatti sulla parte scolastica si presentano in un altro modo. Vediamo di comprendere prima i dati. I settantamila sono il risultato della sommadi: 49mila vincitori del concorso straordinario bandito nella pandemia, poi interrotto, oggi in via di conclusione. Poi ci saranno tremila insegnanti nelle materie «Stem». Con questa sigla la pedagogia neoliberale indica materie come Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica. I neoliberali «umanisti» inseriscono anche l’Arte. Non sembra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.