closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola e P.A., la Commissione Ue al governo Conte: «Basta precariato, stabilizzare 370 mila persone»

Il caso. E' in arrivo una procedura di infrazione da Bruxelles. Una lettera inviata dalla Commissione Europea a Conte: entro due mesi l'esecutivo deve prendere iniziative concrete per eliminare le discriminazioni ai danni dei precari nella pubblica amministrazione: su 370 mila, 160 mila sono nella scuola. L'Italia è uno stato fondato sullo sfruttamento dei precari licenziati e riassunti ogni anno

La protesta dei docenti e personale precario della scuola

La protesta dei docenti e personale precario della scuola

Il governo Conte ha due mesi per adottare «misure concrete» per stabilizzare 370 mila precari della pubblica amministrazione di cui almeno 160 mila lavorano nella scuola, nell’università o nella sanità dove si continua ad assumere con contratti a breve termine anche nell’emergenza pandemica del Covid. Se non lo farà la Commissione Europea aprirà una procedura di infrazione che potrebbe costare milioni di euro al contribuente italiano. A febbraio il governo rischia di essere deferito alla Corte di giustizia europea se a febbraio non avrà impostato una legge conforme alla direttiva 70 della comunità europea varata nel 1999 che obbliga l’assunzione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.