closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Assedio all’assedio di Yerevan

Armenia. Proteste contro governo e a favore degli insorti che hanno occupato una stazione di polizia

«Avrebbe potuto succedere alla mia famiglia», racconta Gevorg Ghazaryan, uno degli oltre dieci giornalisti pestati dalla polizia venerdì sera. A Yerevan, nel bel mezzo degli scontri fra manifestanti e polizia, fra lanci di pietre e fumogeni, la facciata di una casa prende fuoco, forse a causa del calore emesso da una granata stordente. Ci abita una famiglia, una coppia con un figlio e la nonna. Il bambino, disperato, inizia a gridare contro la polizia: «Non ce la faccio più, prendo un fucile e vi sparo!». La madre urla insulti verso le forze dell’ordine. A quel punto un gruppo di agenti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.