closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sciopero generale di dieci giorni contro le stragi dei militari in Myanmar

Golpe e repressione. La giunta risponde con  coprifuoco esteso di 24 ore su 24 a partire da lunedi e per diverse settimane. Allo scopo di evitare che la protesta scenda di nuovo nelle piazze.

La protesta non si ferma nelle strade del Myanmar

La protesta non si ferma nelle strade del Myanmar

Uno sciopero generale di almeno dieci giorni che da domani dovrebbe bloccare di nuovo il Myanmar. E un coprifuoco esteso di 24 ore al giorno deciso dalla giunta da lunedi per diverse settimane proprio per evitare che la protesta scenda di nuovo nelle piazze. Sono queste le notizie che arrivano da un Paese travolto il 1 febbraio da un colpo di Stato militare, totalmente isolato sul piano internazionale, e vede crescere giorno dopo giorno uno dei più vasti movimenti di disobbedienza civile pacifica (Cdm) che la storia recente ricordi e che sembra essere l’evoluzione moderna del movimento indiano degli anni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi