closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

«Sciopero dell’intera filiera Amazon»: è la prima volta nel mondo

Gig Economy. Cgil, Cisl e Uil chiedono ai 40mila dipendenti (solo 9 mila diretti) di fermarsi il 22 marzo: con la pandemia ritmi insostenibili. Nella piattaforma uniti magazzinieri, precari, appalti e driver. Ma il gigante di Bezos non tratta

Una protesta sindacale della Uilt fuori dal magazzino Amazon di Pisa Montachiello

Una protesta sindacale della Uilt fuori dal magazzino Amazon di Pisa Montachiello

Il primo sciopero di tutta la filiera Amazon al mondo avverrà in Italia lunedì 22 marzo. A proclamarlo i certo non rivoluzionari sindacati confederali dei trasporti: Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt. Rispetto alle mobilitazioni nel resto del pianeta, la novità sta proprio nel fatto che vengono uniti nella protesta tutti i lavoratori che preparano, smistano e consegnano nelle case degli italiani ben 1 milione di pacchi al giorno. SI VA DAI CIRCA 9MILA LAVORATORI diretti di Amazon Italia Logistica che operano negli hub (immensi magazzini) e nelle station (magazzini più piccoli). Ma accanto a loro, sempre più spesso e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi