closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Schweblin, nel domestico, il dominio dell’estraneo

Scrittrici argentine. Superato il confinamento nel genere fantastico, i racconti di «Sette case vuote» adottano un andamento a tratti minuzioso e saturo di realismo: da Sur

Manuel Archain da «Square Portraits»

Manuel Archain da «Square Portraits»

Un’anziana signora con problemi psichici costringe la figlia ad anomali vagabondaggi in auto per guardare le case lussuose dei quartieri residenziali e spiare le vite altrui; una bambina lasciata sola dai genitori nella sala d’attesa di un pronto soccorso fa amicizia con uno sconosciuto che la porta a comprare biancheria intima in un centro commerciale; una donna, forse malata di Alzheimer, impacchetta metodicamente i propri averi e si prepara così a morire, mentre lampi del passato le riportano alla memoria le immagini del figlio, scomparso nella primissima infanzia: sono alcune delle situazioni e dei personaggi che popolano i racconti di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi