closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Scherzo grottesco “per” Apollinaire

Enzo Restagno, "La testa scambiata. Apollinaire tra Picasso e Dora Maar", Garzanti . Perché, nel monumento funebre al poeta dei «Calligrammes», Picasso utilizzò la testa di Dora Maar? Enzo Restagno ricostruisce, con divertimento

Pablo Picasso, «Tête de femme» (testa di Dora Maar), 1941, bronzo

Pablo Picasso, «Tête de femme» (testa di Dora Maar), 1941, bronzo

André Malraux, nel Cranio di ossidiana, col lirismo demagogico che gli onori e il ruolo gli concessero nella sua maturità, medita su Picasso appena morto. Visitando l’atelier di Mougins, accompagnato dalla vedova Jacqueline, quasi confuso dal caotico affollarsi delle opere, Malraux difende e celebra l’ultima fase dell’artista: «Il suo stridore copre l’orchestra delle forme della terra. Un’opera ricorda il calco della mano, quest’altra quello di una foglia; la Testa per il monumento di Apollinaire è stata la testa di Dora Maar, il Gatto è quasi un gatto». E va avanti enumerando e precisando le febbrili improvvisazioni di un genio poliedrico,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi