closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Schedati sui social, la «proposta indecente» di Marattin

Si scatena il dibattito in rete intorno al progetto del deputato di Italia Viva: chiedere i documenti per l'iscrizione ai social. Ma gli esperti sono contrari.

Nel cinquantesimo compleanno di Internet è arrivata come una bomba una proposta che ha animato il dibattito in rete. Ad avanzarla, su twitter, il renziano Luigi Marattin: obbligare chiunque si iscriva a un social network a fornire un documento valido di identità. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire hate speech, diffamazioni e i messaggi minatori che proliferano sulle piattaforme. Il deputato di Italia Viva ha annunciato di essere già al lavoro su una bozza legislativa e poche ore dopo ha diffuso anche il link a una petizione sul sito del neonato partito, con l'obiettivo di raccogliere 10.000 firme. https://twitter.com/marattin/status/1189156232097161218?s=20 La crociata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.