closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Sarkozy in stato di fermo

Scandali di corruzione . L'ex presidente interrogato dopo il fermo del suo avvocato e di due alti magistrati: il sospetto è un reato di concussione, una rete di scambio di favori per sapere a che punto erano le inchieste in corso sull'ospite dell'Eliseo. Una bomba politica, ma a destra pochi scendono in campo per difendere Sarkozy. I fedelissimi denunciano un "complotto"

Nicolas Sarkozy è stato messo in stato di fermo e interrogato tutta la giornata di ieri all’Ufficio centrale di lotta contro la corruzione e le infrazioni finanziarie a Nanterre, alla periferia di Parigi. Il fermo puo’ essere prolungato per 48 ore, cioè fino a giovedi’ mattina. E’ la prima volta nella storia della V Repubblica per un ex presidente. Sarkozy è sospettato di concussione, di traffico di influenza, un reato che puo’ essere punito fino a 5 anni di carcere e 500mila euro di multa: i magistrati cercano prove sull’esistenza di una rete di informatori, nella polizia e nella giustizia,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.