closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Salvini referendario per caso

Giustizia. Il capo leghista presenta con i radicali sei quesiti in gran parte già visti e a rischio ammissibilità. Ma si muove male nei panni del garantista e scivola più volte. Annuncia un milione di firme, ne serviranno tre milioni

Matteo Salvini eri al centro dei rappresentanti del partito radicale

Matteo Salvini eri al centro dei rappresentanti del partito radicale

Sei referendum sulla giustizia il partito radicale li aveva tentati l’ultima volta otto anni fa. Marco Pannella ancora in sella, anche allora le proposte spaccarono la maggioranza di governo - che era quello di Enrico Letta - e il centrodestra si impegnò a raccogliere le firme. Non troppo: alla conta di fine settembre ne mancavano migliaia e non se ne fece niente. Questa volta Matteo Salvini, che ieri ha presentato con il segretario del partito radicale Maurizio Turco sei non del tutto nuovi referendum, è convinto di farcela. Anzi promette che non si fermerà alle 500mila firme richieste, ma «ne...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi