closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sale la protesta dei palestinesi in Libano: «Lasciateci lavorare»

Beirut. Da giorni i rifugiati palestinesi protestano contro le nuove norme del ministero del lavoro che colpiscono le imprese che occupano i manovali "stranieri" senza il permesso delle autorità. Colpiti anche i profughi siriani

Profughi palestinesi a Beirut

Profughi palestinesi a Beirut

Non cessano le proteste dei palestinesi in Libano. Anche ieri in centinaia hanno manifestato nei loro campi profughi contro le misure restrittive decise dal governo che mettono a rischio le già rare opportunità di lavoro che hanno i rifugiati palestinesi, ora costretti a richiedere un regolare permesso. Dovranno mettersi in regola più di tutti gli imprenditori, a cominciare da quelli palestinesi che nei settori dell’agricoltura e dell’edilizia impiegano quasi esclusivamente i loro connazionali. «Lasciateci lavorare, lasciateci vivere», scandiscono da quattro giorni i palestinesi da Beirut a Tripoli, da Sidone a Tiro e nella valle della Bekaa, bruciando copertoni e rovesciando...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.