closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Sale il contagio anche nelle carceri, il sindaco Gori: «Vaccinate subito»

Covid. I detenuti positivi sono 624, mentre tra i lavoratori dei penitenziari se ne contano 708. Il primo cittadino di Bergamo scrive ad Arcuri

Il carcere di Bergamo

Il carcere di Bergamo

C’è un universo, quello penitenziario, dove la paura del contagio si soffre all’ennesima potenza, perché nei carceri italiani non c’è possibilità di igiene, né di distanziamento. Allo stesso tempo, il virus sembra l’unica via di fuga da un lockdown che può portare dritto alla follia. Da quando la curva dei positivi Covid è tornata a crescere, infatti, le carceri (che non erano mai state riaperte completamente neppure durante l’estate scorsa) sono state progressivamente richiuse: niente visite, nessun volontario, niente scuola. Neppure in Dad, perché sono pochissimi gli istituti attrezzati a sufficienza (nel Lazio, il consiglio regionale ha approvato l’emendamento alla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi