closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«RU 486», la giunta di destra vieta la pillola abortiva nei consultori

Marche. Lo avevano promesso in campagna elettorale e l'hanno fatto. Le Marche non sono una regione per donne

Manifestazione per il diritto alla scelta

Manifestazione per il diritto alla scelta

Come promesso durante la campagna elettorale, la giunta di destra delle Marche ha deciso di vietare l'uso della pillola RU 486 nei consultori. Ad annunciarlo, in un consiglio regionale cominciato con l'assenza di presidente e assessori durante le celebrazioni della Giornata della Memoria, è stata l'assessora leghista alle Pari Opportunità Giorgia Latini, rispondendo a una mozione – respinta – presentata dalla consigliera del Pd Manuela Bora in cui si chiedeva la piena applicazione della legge 194 e delle linee guida del ministero della Salute in materia di interruzione di gravidanza: «Bisogna garantire una percentuale sufficiente di personale sanitario non obiettore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi