closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Rosine Mbakam, il Camerun al femminile

Intervista. La regista parla del suo «Les deux visage d’une femme bamiléké», in programma al Sole Luna Doc Film Festival di Palermo

«L’Africa è talmente inondata dalle immagini proveniente dall’occidente che non sappiamo più in cosa identificarci» dice Rosine Mbakam, regista cresciuta in Camerun fino a 27 anni, per poi trasferirsi in Belgio nel 2007 per studiare cinema. Con il suo documentario Les deux visage d’une femme bamiléké - in programma oggi allo Spasimo di Palermo nell’ambito della dodicesima edizione del Sole Luna Doc Film Festival - Mbakam cerca proprio di offrire alle donne del suo paese un’ immagine di sé che nasce dall’incontro, dalla possibilità di raccontarsi. «La cosa più importante per me era che si vedessero a vicenda, che potessero...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.