closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Rosarno, il ghetto «del disonore» dimenticato dalla politica ma non dai caporali

Dossier accusa il Viminale. Oltre 2500 migranti vivono ancora in condizioni estreme tra i rifiuti

Rosarno, migranti impegnati nella raccolta degli agrumi

Rosarno, migranti impegnati nella raccolta degli agrumi

A fine gennaio una delegazione di Medici per i diritti umani (Medu) si recò al Viminale. Non vennero ricevuti dal neoministro Minniti. «Ha impegni pregressi» dissero al ministero. I medici Alberto Barbieri e Giulia Bari ottennero udienza con il sottosegretario Domenico Manzione. Gli riferirono delle disastrose condizioni dei migranti impiegati nella raccolta degli agrumi nella Piana di Gioia Tauro, ed in particolare nella baraccopoli di San Ferdinando. «Solo due giorni fa un nuovo incendio, il secondo in un mese, ha provocato il ferimento di tre migranti» esclamarono. La delegazione rimarcò che l’allestimento della nuova tendopoli, per cui era stato firmato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi