closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Rohingya e bangladesi nelle fosse comuni

La scoperta. Campi di detenzione e tortura per migranti al confine tra Malaysia e Thailandia. Autorità conniventi con i trafficanti di persone. Anche Myanmar sotto accusa per i soprusi sulla minoranza musulmana. E dalla premier del Bangladesh arriva una dichiarazione choc: «Chi emigra è un malato mentale»

La polizia malaysiana in uno dei campi riemersi dalla foresta

La polizia malaysiana in uno dei campi riemersi dalla foresta

Non c’è forse un chilometro dalla cittadina di Wang Kelian e il confine tra la provincia tailandese di Satun – e poco più in là di Songkhla - e lo Stato malaysiano del Perlis. Tutt’intorno è foresta, appena intaccata dalle prime coltivazioni dei malesi. È in questa zona all’estremo Nord della Malaysia che domenica scorsa la polizia ha trovato le prime tombe e indizi di fosse comuni. Poi lunedi ha rimosso un corpo in avanzato stato di decomposizione trovato insepolto nella baracca di uno dei campi di raccolta di migranti intercettati dagli inquirenti che già ne hanno contati 28 lungo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.