closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Rodari il mago illuminista della lingua

Il centenario di Rodari celebrato con un Meridiano. Da Collodi a Palazzeschi, ha ereditato una tradizione italiana di lavoro con il folklore e il materiale infantile: ma Gianni Rodari è stato forse il primo a imporre nitidamente una forma

Bruno Munari,  Mai contenti, Mondadori, 1945

Bruno Munari, Mai contenti, Mondadori, 1945

In una delle Favole al telefono di Gianni Rodari il protagonista, Martino Testadura, scopre che «all’uscita del paese» in cui vive si dividono tre strade: una va al mare, la seconda va in città e l’ultima – così gli ripetono tutti – «non va in nessun posto». Martino decide di percorrerla lo stesso: tornerà su un carretto pieno di tesori, dopo aver visitato il castello di una «bella signora», simile a «quei castelli delle favole dove dormono le belle addormentate o dove gli orchi ammassano le loro ricchezze». Tornato il protagonista dalla sua avventura, tutto scompare: castello tesori e signora....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi